Filler glutei e polpacci: i nuovi interventi modellanti - Matteo Stocco

BLOG

24 Gen 2022

Filler glutei e polpacci: i nuovi interventi modellanti

Il potere modellante del filler non si limita a labbra, naso e forma del viso (vi ricordate la jawline definition?). Uno dei prodotti più versatili, biocompatibili e raffinati che esistano in medicina estetica, l’acido ialuronico, viene ormai ampiamente utilizzato anche sul resto del corpo. Obiettivo: scolpire la silouette, sia maschile che femminile, senza ricorrere alla chirurgia estetica. Un risultato possibile solo se eseguito con estrema precisione da parte del medico estetico, onde evitare brutte sorprese. Una volta decisi gli obiettivi, la fantasia è (quasi) l’unico limite: ci sono davvero poche aree del corpo su cui non è consigliato o agevole intervenire con le punturine di filler. Vediamo qui sotto le richieste più comuni: per alcuni, saranno comunque sorprendenti.

 

Il filler ai glutei

Sicuramente il più richiesto e famoso: il filler ai glutei è diventato un trend, complice il crescente interesse degli ultimi anni sul “lato B”. L’attenzione – mediatica, e di conseguenza estetica – verso il sedere ha in qualche modo rimpiazzato quella per il seno. Gli interventi di mastoplastica, generalmente con l’obiettivo di ingradire il volume, sono rimasti un comparto molto forte dell’ambito chirurgico. Tuttavia, sono i glutei ad essersi presi la scena, prima in America Latina, poi negli States, adesso moltissimo anche qui da noi in Europa. La forma a clessidra e la sinuosità della forma tipicamente mediterranea fanno da contraltare al classico modello “da sfilata” (magro, asciutto, longilineo e con poche curve). Questo genere di profilo estetico non è facile da ottenere in palestra ed è impossibile raggiungerlo con l’alimentazione – come vi ho ampiamente spiegato in vari articoli. Ecco allora che la medicina e la chirurgia hanno iniziato ad interessarsene.

 

intervento filler glutei

Filler ai glutei prima e dopo

Il trattamento con i filler è consigliato quando i glutei presentano rilassamento cutaneo o una forma piatta e cadente. Questo accade generalmente con l’età, ma può avvenire anche tra i più giovani (sì, sono inclusi anche i pazienti uomini!) per ragioni genetiche o di costituzione. Il volgarmente detto “culo piatto” è infatti oggetto di una campagna demonizzante che i social media e gli influencer hanno certamente contribuito a rendere popolare. Molti pazienti si rivolgono a me senza particolari inestetismi al fondoschiena, ma semplicemente con il desiderio di ottenere maggiore volume e quindi un lato B più sporgente, in linea con il canone imperante.

L’intervento di filler  è molto semplice e segue la procedura che già impiego con successo per rinofiller e filler labbra: con una siringa, si inietta il filler acido ialuronico in quantità variabili, che dipendono dall’effetto desiderato. Se l’area è cadente, si interviene nella zona superiore del gluteo con punture mirate a creare una sorta di lifting.  Se, invece il sedere ha una forma piatta, il filler viene iniettato nell’area centrale per ottenere più volume, sporgenza e rotondità.

Il prima e dopo, con il filler ai glutei, si ottiene praticamente nel giro di 10 minuti:

 

 

Le esperienze con il filler ai glutei possono essere molto varie, perché dipendono:

  • dall’effetto che il/la paziente desidera: alcune persone vengono con un’idea ben chiara in mente, con un modello o un prototipo (es. “culo alla brasiliana”, “alla Kim Kardashian”, sedere tondo, “a mandolino”)
  • dalla professionalità del medico che esegue l’intervento: assicuratevi sia qualcuno con molta esperienza e, soprattutto, con i prodotti giusti. La differenza tra un buon filler e una sostanza scadente e inefficace, o addirittura nociva, può cambiarvi la vita. Ricordatevi che, anche se non è chirurgia, si tratta pur sempre di iniezioni.

Per il resto, ricordatevi che valgono le stesse indicazioni che riguardano gli altri interventi con il filler:

  • la durata del filler ai glutei va dai 6 ai 9 mesi ed è rinnovabile quante volte si vuole. La differenza di durata dipende sempre  dalla pelle del paziente, oltre che dalla qualità del filler
  • il prezzo del filler ai glutei dipende moltissimo dall’estensione dell’area trattata, dall’effetto desiderato e, ovviamente, dalla quantità di prodotto. Un range di prezzo indicativo è quindi tra i €700 e i €1500, quindi consiglio sempre di fissare una consulenza gratuita con me per avere un preventivo realistico

 

 

Il filler ai polpacci

Un piccolo approfondimento anche sul filler ai polpacci e, più in generale, alle gambe: ebbene sì, il trattamento modellante del filler riguarda anche la parte bassa del corpo. Il filler ai polpacci in particolare ha ottenuto molto interesse nell’ultimo anno, con la complicità della pandemia: palestre chiuse, difficoltà ad allenarsi e, più in generale, un rilassamento dello stile di vita. Per i fanatici della forma fisica, soprattutto uomini, le conseguenze psicologiche di questa battuta d’arresto si sono fatte sentire. Ma in molti casi il desiderio di intervenire sul modellamento delle gambe non è contingente, bensì “costitutivo”: molti pazienti lamentano una difficoltà enorme ad allenare i muscoli sotto il ginocchio.

 

Come funziona il filler ai polpacci

Il trattamento prevede l’utilizzo di filler acido Ialuronico che viene iniettato all’interno del polpaccio, con un ago molto sottile. Dovete immaginare che una piccola “sacca” di gel venga inserita all’interno, donando forma e struttura al muscolo che, però, non viene intaccato: l’iniezione riguarda solo le cellule epidermiche. Il volume si ottiene nel giro di 10 minuti e ha la stessa durata del filler ai glutei, rinnovabile nel tempo senza problemi.

Non ci sono controindicazioni a filler al polpaccio, né sportive né di vita quotidiana: i pazienti tollerano bene la sostanza, che è assolutamente biocompatibile e riassorbibile.

 

 Vi sono piaciuti questi approfondimenti? Volete saperne di più? info@drmatteostocco.com