Chi sono

La chirurgia estetica è un’arte: la più vicina all’arte classica di tutte le discipline mediche. Entrambe si occupano del Bello, lo ricercano, lo esaltano. La differenza è che il risultato finale, nel mio lavoro, dipende più dal desiderio del soggetto che da quello dell’artista.

 

Essere un medico estetico significa, allora, lavorare con una materia fisica ed una ideale. Non bastano il talento delle mani e la precisione clinica degli occhi. La nobiltà del lavoro chirurgico è tanto nel cervello quanto nell’anima di chi opera.

 

La difficoltà del chirurgo, la sua sfida più bella, è tradurre una speranza su un disegno che abbiamo in mente in due:
il paziente, il medico.